NORMATIVA ANTINCENDIO PALESTRE – 4 COSE DA SAPERE PER ESSERE IN REGOLA

di | Settembre 5, 2018

antincendio palestre

Hai una palestra e vuoi sapere se sei in regola con la normativa antincendio per le palestre? O stai per aprire una nuova palestra e non sai se devi rispettare la normativa antincendio? Bene allora sei nel posto giusto.

Continua a leggere e in 4 passi potrai capirlo subito.

Passo 1 – Superficie e capienza delle palestre

Le palestre rientrano nell’attività n. 65  Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 m2 . Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico

Per prima cosa bisogna dire che prima del 2011, le palestre non erano menzionate tra le attività soggette, mentre con il DPR 151/2011 sono state inserite, e badate bene, specificatamente, differenziandole anche da impianti e centri sportivi.

Quando si presenta una documentazione al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco? Entrano in ballo i due parametri seguenti:

Superficie: è la superficie in pianta della palestra, centro fitness e similari. La norma stabilisce un minimo di 200mq. Se la tua palestra supera i 200mq devi adeguarti alla normativa antincendio, anche se con meno di 100 persone.

Capienza: rappresenta l’affollamento del locale. La normativa vigente fissa un limite in 100 persone. Se il tuo affollamento è superiore alle 100 persone devi adeguarti alla normativa antincendio, anche se la superficie è minore di 200mq

I casi che si presentano sono quindi diversi. Basta che uno dei parametri superi quelli minimi per ricadere in attività soggetta al controllo dei Vigili del Fuoco.

Passo 2 – La palestra è Attività Soggetta?

Se rientri in uno dei casi descritti sopra (più di cento persone, o superiore ai 200 mq) rientri nell’attività n. 65  e sei obbligato a presentare una SCIA al locale comando provinciale dei Vigili del Fuoco. (O un progetto da approvare)

Se invece la tua palestra ha una superficie inferiore ai 200mq e meno di 100 persone di affollamento non hai obblighi nei confronti del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco ma devi rispettare comunque la normativa vigente.

Passo 3 – Normativa Antincendio Palestre. Quale utilizzare?

La normativa per le palestre è il D.M. 18.03.1996 concernente “Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio degli impianti sportivi”.

Ma quando si applica questa norma? L’art. 1 stabilisce che si applica a tutti gli impianti in cui si svolgono attività regolate dal CONI, anche in presenza di meno di 100 spettatori o totale assenza di essi (in questo caso si applica solo l’art. 20).

E per le attività sportive non regolate dal Coni? Si applica il D.M. 10.3.1998 che stabilisce la sicurezza negli ambienti di lavoro, che contempla anche il rischio di incendio, oppure in alternativa il Codice di Prevenzione Incendi.

Sinceramente, trattandosi di attività sportiva, a prescindere da tutto, io applicherei comunque il DM 18.03.1996 per gli impianti sportivi.

Passo 4 – Normativa per il pubblico spettacolo

Attenzione, perchè qualcuno applica la normativa per il pubblico spettacolo, D.M. 19.08.1996, riguardante i locali di pubblico spettacolo.

Le palestre, sono considerate come locali di trattenimento in genere, non come locali di pubblico spettacolo

Tranne in casi molto particolari, le palestre classiche che conosciamo tutti non rientrano in questa normativa, anche semplicemente basandosi sul titolo della norma. (che spettacoli pubblici si fanno in palestra?).

Essendo locali di intrattenimento, sono però ricompresi come attività soggetta se numero di persone e/o superficie superano i limiti già detti.

QUESITI DEGLI UTENTI

Domanda:

Buongiorno ingegnere, mi accingo a realizzare una palestra all’interno di un fabbricato isolato dove è presente un soppalco realizzato con strutture metalliche. Si tratta di una palestra classica senza manifestazioni pubbliche o eventi sportivi, solo attività di fitness per i soci con una superficie superiore ai 200 mq e affollamento inferiore a 100 persone. Cosa devo prevedere per le strutture in acciaio esistenti? È necessario trattarle con vernici intumescenti?

Risposta: 

Le palestre, rientrano nell’applicazione della regola tecnica sugli impianti sportivi che prevede che la resistenza al fuoco delle strutture venga calcolata sulla base del carico d’incendio; quindi, a prescindere dal valore della resistenza al fuoco di calcolo, in prima battuta le direi che è necessario trattare l’acciaio del soppalco con vernici intumescenti o con altro materiale.
Questo perchè sto supponendo che il soppalco abbia funzione statica e che il crollo durante l’incendio possa mettere a repentaglio vite umane, non ultime quelle dei soccorritori che interverranno.

2 pensieri su “NORMATIVA ANTINCENDIO PALESTRE – 4 COSE DA SAPERE PER ESSERE IN REGOLA

  1. Giorgio

    buongiorno ingegnere, un mio cliente ha acquistato un locale da adibire a palestra. l’intero locale ha una superficie di 220mq ma solo 106mq sono adibiti ad attività, infatti i restanti 114mq sono per spogliatoi, bagni ecc ecc. All’interno non saranno mai presenti più di 30 persone, per questo chiedevo se rientrava nell’obbligo del CPI.

  2. attilio Autore articolo

    Buongiorno. La superficie da considerare è “la superficie lorda in pianta al chiuso”, comprensiva di tutte le superfici anche quelle accessorie. Quindi nel suo caso è soggetta ai controlli da parte dei Vigili del Fuoco.
    Si potrebbe comunque studiare se c’è la possibilità di ridurre le superfici e non farla rientrare in attività soggetta.

    Saluti
    Attilio

I commenti sono chiusi.