Entrato in vigore l’aggiornamento della normativa di prevenzione incendi negli edifici di civile abitazione

di | Aprile 12, 2019

E’ arrivato. Il 6 maggio 2019 è entrato in vigore il D.M. interno 25 gennaio 2019 recante “Modifiche e integrazioni all’allegato del decreto 246 del 16 maggio 1987, concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”.

Per prima cosa il decreto si applica ai fabbricati che hanno altezza antincendi superiore ai 12 metri, e quindi interessa un gran numero di edifici; basti pensare che bastano quattro piani per superare i dodici metri. Bisogna fare attenzione perchè i fabbricati tra i 12 ed i 24 m di altezza antincendi non sono soggetti ai controlli dei vigili del fuoco, ma sono soggetti all’applicazione del decreto in esame.

In secondo luogo, il decreto impone l’adeguamento delle facciate dei fabbricati ai criteri di sicurezza antincendio da una parte, e detta le regole per una corretta gestione della sicurezza antincendio dall’altra, individuando la figura del responsabile dell’attività che non è necessariamente l’amministratore del condominio.

Per quanto riguarda le facciate, i fabbricati interessati sono quelli di nuova costruzione, ma anche quelli esistenti nel caso di interventi di rifacimento delle facciate stesse. A seconda poi dell’altezza antincendi del fabbricato vengono individuati anche i livelli minini di dotazioni impiantistiche per garantire una corretta gestione dell’emergenza.

Per quanto attiene la gestione dell’emergenza, vengono indicate le regole anche di tipo comportamentale che i fruitori del fabbricato devono rispettare in funzione di ben determinati livelli di prestazione. Potrebbe sembrare una cosa di poco conto, ma molto spesso fa più danni il panico che non l’evento incendio in se.

In ultimo aggiungo che le norme di sicurezza nel nostro paese vengono spesso viste come una ulteriore tassa sulla proprietà senza invece preoccuparsi di altri aspetti economici rilevanti. I proprietari di immobili dovrebbero infatti chiedersi, in caso di incendio, quale sarà il risarcimento danni materiali dell’assicurazione in un fabbricato che non risulta a norma antincendio.